Cena della Lega: Centri Sociali non invitati fanno irruzione con violenza e rovinano la “festa”.

Irruzione non prevista. I centri sociali si accalcano alla cena della Lega a Genova.

In un ristorante del centro storico, dove alcune personalità della Lega erano insieme per una cena di lavoro, in pochi minuti un bliz dei centri sociali a rovinato la serata.

I dettagli su il Primato Nazionale:

Alla cena partecipava anche il viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi, insieme all’assessore al Commercio Paola Bordilli e al presidente del municipio Centro Est Andrea Carratù, che sono stati scortati fuori dal locale dagli agenti della Digos e delle volanti.

Il primo blitz è andato in scena sul presto, attorno alle 20.30, quando la cena stava iniziando. Tre uomini hanno fatto irruzione all’interno del locale, in zona piazza Fossatello, e hanno minacciato quanti seduti al tavolo leghista.

Poi se la prendono col titolare,intervenuto per allontanare i tre, dicendogli che non deve dare da mangiare a queste persone. Dopo qualche momento di tensione, durante i quali viene strappata una bandiera della Lega, torna la calma e la cena prosegue. 

Dopo aver interrotto i leghisti per ben due volte, a poco è bastato l’intervento della Polizia. Fuori dal ristorante, infatti, in tarda serata si è verificato l’impensabile. Più di venti persone in agguato hanno aspettato che le personalità leghiste uscissero per passare agli insulti e alle minacce.

I fatti sono stati denunciati subito dopo e resi noti sui social dalla Commissione Giovani Leghisti di Genova.

Fonte: primatonazionale

Foto: ligurianotizie