Ma quale crisi di governo. Bechis fa stare zitti tutti e svela quel dettaglio che nessuno sa.

Esplode la polemica sulla tenuta del governo dopo il caso Spataro, ritenuto significativo per molti. O forse per i cosiddetti gufi che vogliono sempre vedere Lega-M5S al capolinea.

Allora parla Franco Bechis che dice: “Ho provato a sondare anche durante l’intervista al ministro dell’Interno: come avrebbero reagito i 5 stelle che non apprezzano scontri frontali di questo tipo con i magistrati? Tutti zitti”.

Poi continua: “e il solo costretto a commentare, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha tentato la super arrampicata dicendo che di fronte ai due contendenti lui stava dalla parte dei cittadini (considerazione che non significava nulla)”.

Ed ancora: “un segnale vero, come lo sono stati sguardo e gesti di Salvini durante l’intervista pubblica promossa da Vespa. E dice che se anche solo qualche giorno fa sembrava non tenere più di tanto l’alleanza fra Lega e M5s, i rapporti debbono essersi in qualche modo rinsaldati e l’aria di crisi in cui sperava anche parte del palazzo si allontana”.

Del resto lo stesso Salvini, sottolinea Bechis è “assai evasivo sia sulla possibilità di ricostituire in futuro il centrodestra con Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, lasciando spazio solo a intese locali, e pure sulle eventuali alleanze transnazionali in vista delle elezioni europee in cui per forza di cosa Lega e M5s torneranno avversari.

Sarà pure dovuta e quindi non proprio sincera l’ affermazione di un orizzonte quinquiennale per l’ alleanza gialloverde, ma la sensazione è che questa strana coppia di fatto continuerà a stare insieme e non per brevissimo tempo”.

Forse i gufi dovranno attendere qualche anno prima di vedere ciò che sperano. O forse non lo vedranno mai perché intanto la fiducia in questo governo continua a crescere.

Staremo a vedere cosa si inventeranno ancora.

Fonte: Libero

Foto credit: iltempo