Ennesime minacce contro Matteo Salvini. Il vicepremier svergogna così gli autori su Facebook

A chi non è mai capitato di avere tre albanesi puntati contro? A noi no, e comunque prima bisognerebbe capire cosa ciò voglia dire. Questa curiosa frase è apparsa in una lettera spedita da Bologna e indirizzata al Ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

A giudicare dal resto della missiva, la roba dei tre albanesi – per quanto strana – appare più chiara, quantomeno coerente con le altre parole, davvero ridicole per il linguaggio usato.

Nonostante il testo faccia ridere, c’è comunque da riflettere sulla probabile matrice rossa della lettera. Fortuna che Salvini ci ha fatto su una risata, svergognando pubblicamente gli anonimi autori.

Da quando è diventato ministro dell’Interno, non c’è giorno che passi senza che qualcuno tiri su la testa per dirgli o fare qualcosa di non troppo carino contro di lui. Dalle sedi della Lega imbrattate al suo fantoccio impiccato in piazza, ai simpatizzanti dei centri social che lo vogliono vedere a testa in giù, Salvini ne colleziona di minacce. Ormai ci ha fatto il callo.

E infatti, quando questa mattina gli è arrivata l’ennesima “letterina” di minacce, non si è scomposto più di tanto. Matteo Salvini ne ha condiviso il contenuto, ha scattato una foto e ha pubblicato tutto sui suoi profili social.

Ecco il testo della lettera: “Per Matteo Salvini. Finocchio Salvini, ai (sarebbe hai, ndr) 3 albanesi puntati su di te. Sarai giustiziato. Sei diventato un maiale frocio cornuto”.

E dopo aver pubblicato la foto della “letterina”, Salvini si appresta a commentare: “Letterina di minacce, soprattutto alla grammatica italiana, arrivata al Ministero… Si tira dritto, baci e abbracci! Sabato prossimo, 8 dicembre alle 11 a Roma in piazza del Popolo, risponderemo con i sorrisi di un mare di italiani perbene!”.

E sono proprio i sorrisi – e l’appoggio – di un mare di italiani perbene che rendono la leadership di Matteo Salvini sempre più forte. Al punto da essere il politico più gradito dagli italiani. Si prospetta un grande futuro per il Ministro dell’Interno.

Fonte: Il Giornale

Fonte foto: Facebook