Ormai è “rivoluzione Salvini”. Dati e commenti shock che acclamano il miracolo del leghista.

Matteo Salvini spopola ovunque. Anche in città impensabili. La Lega conquista anche Livorno, ex roccaforte rossa spodestata da Filippo Nogarin del Movimento 5 stelle.

Secondo l’ultimo sondaggio Swg pubblicato sul Tirreno, il Carroccio è primo partito al 24 per cento mentre il Pd e il M5s sono al 23,5 per cento.

Insomma, la Lega, dopo gli exploit di Pisa, Massa e Siena, sta per tingere di verde anche Livorno.

Alle amministrati del 2014, sottolinea Italia Oggi, quando a vincere fu Nogarin, il partito di Salvini non aveva neppure un suo simbolo: 0 per cento.

Alle Europee dello stesso anno salì al 2,2. Alle politiche del 4 marzo, il record: 15,4. Adesso il centrosinistra, col Pd al 23,5 per cento, potrebbe contare sulle liste civiche Buongiorno Livorno, al 9%, e Città diversa, 2,5%.

Sta di fatto che per ora il sindaco non ha ancora deciso se ricandidarsi: “I sondaggi vanno presi sempre con le molle e in ogni caso questo mostra che il Movimento si è radicato fermamente in città.

La coesione tra gli strati più deboli della società, a Livorno, è molto forte, e il Carroccio non riuscirà a incunearsi”.

Ora certezza assoluta lo dimostrano i sondaggi, i numeri, i dati e le proiezioni. Ma più di ogni altra cosa il sostegno arriva dagli italiani.

Stanchi di una politica che per decenni non ha portato a cambiamenti, ora il Paese si affida a chi come Salvini, dalle parole è passato ai fatti.

Ben dimostrabili.

Fonte: libero

Foto credit: ansa