Invece di toglierla, la scorta raddoppia per lo scrittore di Gomorra. Cosa ha in mente Salvini?

Mesi e mesi di critiche e polemiche sui social. I due non si stanno di certo simpatici. Ora però qualcosa cambia.

Salvini a questo punto ha ricevuto una valanga di domande sulla questione della scorta a Saviano. Ma quello che ha detto ha meravigliato un po’ tutti.

Leggiamo Libero Quotidiano:

Ora, il discorso scorte è sempre molto delicato, al di là delle polemiche di parte, soprattutto ricordando quanto accadde al povero professor Marco Biagi. 

Per questo, Matteo Salvini, pur non risparmiandosi del sarcasmo, oggi ha dato forse la risposta più pragmatica e assennata all’ennesima domanda sulla scorta allo scrittore, che gli è stata rivolta nel corso della presentazione del nuovo libro di Lilli Gruber:

“La scorta a Saviano? Gliela raddoppio che se gli toccano un’unghia poi e’ colpa mia”, ha detto il ministro degli Interni.

Morale della favola, con finale a sorpresa, è che Roberto Saviano non solo ha riavuto la scorta, ma gli è stata addirittura raddoppiata. Così Salvini avrà l’ anima in pace.

Fonte: liberoquotidiano

Foto: voxnews