Permesso di soggiorno rubato. Gambiano distrugge di botte un negoziante. La sentenza?

Paura per il negoziante di Marsala preso di mira da un migrante. Questi prima ha rubato al momento della scoperta è scattata la follia.

Il negoziante si è accorto del ladruncolo e lo ha fermato. Ma nonostante l’intervento dei carabinieri, il 18enne migrante ha dato inizio alla sua furia.

Leggiamo Il Giornale:

Il gambiano ha tentato di riguadagnare la via verso l’uscita, ma è stato bloccato da un addetto alle vendite che si era accorto del furto. La sua prima reazione è stata quella di minacciare l’uomo che lo ostacolava, brandendo una bottiglia di vetro in mano.

Dopo l’intimidazione, tuttavia, il 18enne è passato direttamente all’azione ed ha aggredito in modo brutale il commesso, prendendolo a pugni in faccia e mordendogli selvaggiamente le mani per liberarsi dalla sua presa.

Per fortuna in breve sono sopraggiunti i carabinieri del comando di Marsala i quali, dopo una breve colluttazione, sono riusciti a far scattare le manette ai polsi dell’africano. 

E’ stato in caserma che i carabinieri si sono accorti, durante l’identificazione, che il permesso di soggiorno del migrante in realtà apparteneva ad un altro.

Per fortuna non solo le manette, ma il giudice ha predisposto il carcere cautelare per il clandestino africano.

Fonte: ilgiornale

Foto: siciliaogginotizie