Salvini rincara la dose e sui rifiuti e infrastrutture non fa passi indietro: ecco cosa ha detto.

Matteo Salvini non fa dietro front, ani rincara la dose e su vari temi chiarisce la sua posizione. In primis sui rifiuti.

“I rifiuti vanno smaltiti producendo anche utili, energia, ricchezza e non producendo i roghi tossici che avvelenano e ammazzano. Le imprese campane pagano la tassa di smaltimento rifiuti come i milanesi e i romani e non capisco perché quello che accade in tutta Italia e in tutto il mondo non debba accadere in alcune regioni.

Se produci dei rifiuti, quasi ovunque quei rifiuti significano ricchezze e non significano devastazione”.

E ancora: “Bisogna spiegare alla nostra gente che per il nostro bene e per il nostro business – ho visitato dei paesi europei dove i termovalorizzatori sono al centro della città e sono dei modelli culturali – non possiamo più far finta di niente. Se altri hanno fatto finta di niente per trent’anni, io non sono al governo per fare finta di niente”.

Un’altra stoccata dal leghista è arrivata sul tema delle infrastrutture parlando all’assemblea della Cna. “Sabato sono di animo positivo e non ho voglia di polemizzare con nessuno. Lo dico ad amici di governo con cui ho firmato contratto.

Quando io prendo un impegno do anima e sangue per arrivare fino in fondo. Ma poi la realtà cambia, c’è bisogno di andare avanti, non indietro. Sono contento che siano ripresi i lavori per la Tap.

Se c’è un’infrastruttura cominciata in linea di principio, dopo un’analisi di costi/benefici, quello che ho cominciato vorrei finirlo. Rispettando le sensibilità di tutti”.

Salvini va avanti. Intesa di governo ancora salda. Voi cosa ne pensate?

Fonte: Il Giornale

Foto credit: korkep