L’orrore nella tana dei migranti. Parla la vittima dell’orco nigeriano, giá condannato precedentemente.

Era diventato un luogo pericoloso, la nuova San Lorenzo di Ancona. Ma il blitz della Mobile ha salvato una 22enne dalle grinfie del suo aguzzino.

Si chiama Isaac, ha 36 anni e dal 2011 è in Italia da clandestino. “Uno definito come aggressivo e pericoloso dalla sua stessa comunità”, spiega al Messaggero Carlo Pinto, capo della Squadra Mobile di Ancona. È lui che è stato aggredito dal pitbull dell’immigrato una volta entrato nell’appartamento degli orrori.

Si tratta di uno stabile distrutto, abbandonato al degrado. Materassi sporchi, oggetti forse rubati. E droga. Tremava, abbandonata in quel tugurio, ma è riuscita a raccontare cos’era successo. Ed è emersa la brutale verità.

In quel posto, spiega il Messaggero, ci sarebbe finita a causa dell’ex fidanzato che le avrebbe fatto conoscere quella centrale di spaccio. “Prima mi drogava e poi mi stuprava”, racconta la ragazza. “Ha abusato di me in almeno 10-15 occasioni”.

Lui l’avrebbe invitata ad entrare quando lei si presentava lì per chiedere una dose: “Tienila, prendi, non voglio niente”, le avrebbe detto più volte. “In casa spesso c’era altra gente – continua la 22enne – ma restavano tutti a guardare, nessuno interveniva nemmeno se gridavo aiuto”.

Basti pensare che, secondo quanto emerge, nel locale la sera prima era stato organizzato un festino a base di alcol e droga e martedì, durante il blitz della polizia, erano presenti nove persone tra cui una donna. Una situazione che ricorda drammaticamente la morte di Desirée. Tranne che per l’epilogo.

Il nigeriano è accusato di violenza sessuale continuata e aggravata dalla minorata difesa e cessione di stupefacenti aggravata dallo scambio sessuale.

E pensare che è stato messo in manette all’uscita dall’aula di un tribunale che lo aveva condannato a otto mesi di galera e 400 euro di multa per spaccio, resistenza e lesioni. Il giudice lo aveva rimesso subito in libertà.

Ora il reato più grave. Lui, però, nega ogni accusa: “Non ho fatto niente”, ha detto alle telecamere del Resto del Carlino.

Fonte: Il Giornale