Tutto pronto per attacco terroristico a Roma. Ma arriva Salvini e il tunisino … che botta!

Il Viminale rende nota la vicenda. Si tratta di un tunisino ritenuto vicino ad ambienti dell’estremismo islamico.

Per questi motivi il trentenne è stato espulso dal territorio nazionale.L’uomo era detenuto nel carcere di Vicenza dove si trovava per aver commesso alcuni piccoli reati.

Il 30enne, monitorato costantemente nella sua cella, ha dato evidenti segni di radicalizzazione religiosa, esprimendo persino compiacimento per l’attentato al mercatino di Natale di Berlino del dicembre 2016.

L’uomo avrebbe anche dichiarato di voler compiere un’analoga azione terroristica a Roma. Il tunisino, scarcerato lo scorso 8 novembre è stato subito rimpatriato alla volta di Tunisi.

Con questo ultimo caso, salgono a 347 le espulsioni eseguite dal gennaio 2015 ad oggi, 110 solo nel corso del 2018. Nel 2017 i rimpatri per motivi di sicurezza dello Stato sono stati 105.

Sventata una sciagura per il nostro Paese. Ecco l’immigrazione che gli italiani non vogliono. E di cui hanno paura.

Gli italiani vengono prima. La loro sicurezza viene prima di tutto.

Fonte: Il Giornale

Foto credit: ligurianotizie