Quella strage poteva essere evitata. La casa non doveva esserci, invece … la vergogna della strage di Casteldaccia.

Stefania Petyx di Striscia la Notizia rivela lo scoop senza precedenti. L’inviata è a Casteldaccia, in provincia di Palermo, dove sabato sera, a causa delle forti piogge, il fiume Milicia ha travolto un’abitazione, uccidendo 9 persone.

Quella casa non doveva essere lì. Sulla casa pendeva da anni un ordine di demolizione, ma invece di essere demolita era stata affittata.

Un residente della zona racconta: “Questa tragedia si poteva prevedere perché da anni, nessuno fa manutenzione al letto del fiume”. E infatti, come spiega all’inviata, nel 2009, il fiume era già esondato.

La zona è considerata pericolosa anche dalla Regione, secondo il Pai (Piano di assetto idrogeologico) il letto del fiume è indicato con P3, ovvero di pericolosità elevata, eppure la casa travolta si trovava nella zona e non è l’unica edificata su quel terreno.

Il sindaco di Casteldaccia, Giovanni Di Giacinto, spiega all’inviata di Striscia che “molti di quelli immobili sono stati sanati con delle sanatorie ben precise e non possono essere abbattuti”. E ancora: “Chiederò che gli (immobili) abusi vengano immediatamente abbattuti”.

In chiusura di servizio, la Petyx sottolinea: “Per il rischio idrogeologico ci sono miliardi di euro non spesi perché la regione Sicilia non ha presentato i progetti”.

Ora chi di dovere faccia chiarezza e giustizia.

Fonte: Libero

Foto credit: tp24