Migrante. Compie atti osceni in treno, afferra una ragazza e … compie il peggio.

Una studentessa universitaria di 21 anni è a bordo del treno partito da Albairate diretto a Milano. Sono circa le 17:00, immediatamente si accorge di essere nel vagone da sola insieme a un egiziano.

Subito dopo la partenza, – l’egiziano di 21 anni (regolare in Italia con un precedente per occupazione abusiva) ha cambiato di posto e si è avvicinato, si è seduto di fronte a lei e ha iniziato a guardare un video porno sul cellulare.

Preso dal filmino ha iniziato a masturbarsi davanti agli occhi increduli della ragazza che – ovviamente – lo ha subito sgridato. Così si è alzata e se ne è andata via. Ma lui l’ha seguita, l’ha bloccata fra i sedili e ha iniziato a palpeggiarla con violenza.

La studentessa – dopo una lotta orribile – è riuscita a liberarsi e a scappare, ma la belva l’ha raggiunta una seconda volta. La povera vittima era terrorizzata. In lacrime. L’egiziano l’ha spinta contro un angolo della carrozza e l’ha molestata ancora.

Dopo aver aver patito le sue mani addosso, la ragazza è riuscita a scappare e in quel momento è iniziata la sua fuga fra le carrozze del treno. Fuga terminata solo quando ha incontrato un altro passeggero al quale ha chiesto aiuto.

La studentessa ha chiamato i carabinieri e ha chiesto loro di intervenire nella stazione di Gaggiano. Ma il codardo ha cercato di farla franca, nascondendosi fra i sedili del treno.

Ma il migrante è stato riconosciuto dalla studentessa. Un appuntato del nucleo Radiomobile di Corsico è riuscito a bloccarlo e ad ammanettarlo dopo un inseguimento a piedi.

Lo straniero è finito dietro le sbarre con l’accusa di violenza sessuale.

Fonte: Il Giornale

Foto credit: primocanale