Islamico si candida col PD. Ma la foto sui social lo inguaia. Come viene ripreso. E’ caos.

La vicenda sta facendo il giro del web. Social in subbiglio per la foto che ritrae il tizio in questione. Di chi si tratta?

Talat Chaudry Doga è uno dei candidati al Consiglio di quartiere di via Cremona a Brescia. Di origini pachistane, lo scorso venerdì, ha presentato la sua candidatura nel centro islamico della zona.

Il suo programma viene riportato dal Giornale di Brescia: “La parità di trattamento in tutti gli uffici pubblici; la possibilità di avere dei mediatori culturali negli ospedali per l’aiuto delle donne; disporre nei quartieri dei campi di gioco;

la costruzione dei centri di comunità per riunire persone, raccogliere idee; assistenza alle persone nelle pratiche burocratiche e l’istituzione di un mio ufficio per ascoltare le esigenze delle persone”.

Nulla di male, quindi. Se non fosse che qualcuno ha mostrato una foto di Doga in cui imbraccia un kalashnikov. Un’arma che, sottolinea il Giornale di Brescia, “ricorda attitudini ben diverse dal clima elettorale dei nostri consigli di quartiere”.

Non si sa ancora in che contesto sia stata scattata la foto (anche perché non è più disponibile su Facebook). Fortunatamente ilGiornale.it è riuscito a fare lo screenshot prima che lo scatto sparisse da internet.

Ad ogni modo, i carabinieri, ai quali in passato sono state sottoposte immagini simili, fanno sapere che potrebbe anche trattarsi di un rituale tipico dei matrimoni pachistani, dove gli uomini si fanno ritrarre mentre imbracciano i famosi Ak-47.

La deputata leghista Simona Bordonali ha commentato così la notizia: “Brescia multietnica e multiculturale!!!! Se il consiglio comunale avesse accolto le proposte della Lega, questo “signore”, nuova risorsa del PD non si sarebbe potuto candidare. Chiederemo l’esclusione dalle liste elettorali!!!”.

Fonte: Il Giornale

Foto credit: ilgiornale