La Chiesa che diventa Moschea. E’ bastato vincere all’asta e i mussulmani firmano la loro “vincita”.

Si sono aggiudicati l’Asta. A Bergamo un’antica Chiesa Romana è diventata una proprietà dell’Islam.

Una vera ribalta per i mussulmani che oggi gridano vittoria per aver vinto all’asta una chiesa cattolico romana. E a quanto pare tra le offerte più allettanti partendo da un prezzo base, gli islamici hanno fatto un rialzo pari all’8%.

Leggiamo da Il Giornale:

L’associazione si è aggiudicata l’asta grazie a un rialzo dell’8%, partendo da una base fissata a 418.700 euro. Per completare l’iter, con la pubblicazione della delibera di vendita e il pagamento della somma, occorreranno 90 giorni.

Idir Ouchickh, presidente dell’associazione islamica, ha spiegato che l’intenzione è quella di mantenere la destinazione del sito a luogo di culto. Se verrà realizzata, la moschea degli ex Riuniti sarà la seconda a Bergamo, dopo quella di via Cenisio, riconosciuta ufficialmente dal 2013. “La Regione, dopo aver fatto guerra alle comunità islamiche con la legge antimoschee, aliena un’area già destinata al culto.

Fa sorridere che chi si è accanito contro le religioni venga beffato così, ma pregare non è una colpa”, ha commentato, con una punta d’ironia, l’assessore all’Innovazione del Comune di Bergamo, Giacomo Angeloni.

Sembra quasi una presa in giro. Sì, perchè è proprio da Bergamo e provincie che ci si sta battendo per evitare che vengano costruite moschee regolari, è cosa accade? L’impensabile.

Il Pd si è mosso subito per cercare il pelo nell’uovo e incalzare la polemica contro chi parla di “prima gli italiani”.

Fonte: ilgiornale

Foto: ansa