“Vi farò a pezzi con questa lama e sgozzerò con questo coltello” la dichiarazione di guerra del terrorista. È caos.

L’Islam è davvero pericoloso? Esiste una differenza tra quello moderato e radicale? E’ necessaria la correlazione tra Islam e terrorismo?

Le domande continuano a sovrapporsi, così come le discussioni di coloro che sostengono teorie opposte su un argomento così delicato come questo.

A tal proposito, è tornato alla ribalta un video choc diffuso da Amaq, agenzia vicina all’Isis, nel quale uno dei tanti attentatori palesa le sue intenzioni prima di agire in Baviera, ferendo persone con ascia e coltello.

Con molta libertà spiega persino i suoi propositi:

“Sono un soldato del Califfato – esordisce il 17enne Muhammad Riyad, ucciso da un’unità speciale della Polizia tedesca prima che potesse proseguire il suo massacro – Voglio compiere un martirio in Germania”

Sempre armato di un coltello nel video continua: “Il Califfato islamico si è stabilito in Iraq, Siria, Khorasan, Libia e Yemen. Con il volere di Allah, i soldati del Califfato vi raggiungeranno e vi massacreranno nelle vostre case. Prenderanno possesso delle vostre case e delle vostre basi e costruiranno nuove basi nei vostri Paesi”.

La profezia di minaccia verso l’Occidente è netta: “Vi colpiranno in ogni villaggio, ogni città e ogni aeroporto. Sappiate che il Califfato ora è più forte e prenderà di mira i vostri parlamenti. Ho vissuto da voi, ho complottato contro di voi a casa vostra! Vi macellerò nelle vostre case e strade. Ad Allah piacendo, vi combatterò finché avrò sangue in vena. Vi farò a pezzi con questa lama e vi sgozzerò con un’ascia”.

Poi conclue con un invito agli islamici di svegliarsi dal sonno e di “sottomettersi al Califfato”, con tutto quello che ne comporta.

Fonte: IlPopulista