Cifre da capogiro secondo Bruxelles. Bilancio bocciato ma Conte ha un piano B. A chi si rivolgerà?

Giuseppe Conte conosce bene la risposta al Bilancio proveniente dalla Commissione Europea. Ma si vocifera che abbia un Piano B.

E mentre gli eurocratici, i volponi dell’unione, continuano a contrastare la manovra del governo italiano, Conte non molla. Anzi, sembra che abbia un piano.

Leggiamo cosa scrive Il Giornale:

La missione del premier Giuseppe Conte al Consiglio europeo è caduta in un momento pessimo. La Commissione europea ha deciso di non concedere nulla. La lettera di risposta al Documento pubblico di bilancio varato al consiglio dei ministri di lunedì è pronta e potrebbe arrivare domani, ma già ieri il commissario al bilancio Ue si è lanciato in un altro annuncio poco convenzionale, dicendo che la Commissione rigetterà la manovra italiana.

«Si è avuta conferma che la bozza di bilancio 2019 non è compatibile con gli obblighi presenti nella Ue», ha spiegato in un’intervista al settimanale tedesco Spiegel.

Il premier Conte ha incontrato la cancelliera tedesca Angela Merkel. Interlocutore indispensabile per l’Italia, non solo perché la Germania è l’azionista di maggioranza dell’Ue. La partita per il prossimo presidente della Commissione europea si gioca a Berlino. Per la precisione, dentro la Cdu/Csu, per quanto i centristi tedeschi possano essere in crisi.

Quindi, il premier Conte cercherà clemenza agli occhi della Merkel. E nel frattempo non mancano inviti alla modifica della manovra. L’Italia continua a rispondere che non ha intenzione di fare marcia indietro.

Secondo voi, cari lettori, la Merkel cambierà opinione?

Fonte: ilgiornale

Foto: termometropolitico