“Si beva un caffè.” Così Di Maio zittisce Juncker e le sue minacce contro l’Italia.

Conte e Di Maio continuano a tener testa a tutte le frasette che arrivano dalla Commissione Ue. Bruxelles non sembra voler lasciare in pace l’Italia!

La manovra di Bilancio varata dal governo gialloverde non sembra essere compatibile con i limiti stabiliti dall’Ue. E quelle regole, ricorda Juncker, vanno rispettate.

Leggiamo cosa riporta Il Giornale:

Il clima è pessimo. Per la stampa internazionale l’Italia è ormai un caso. Il Wall Street Journal in un articolo di prima pagina parla di campanelli d’allarme. E l’editorialista dell’Independent Sean O’Grady ha scritto che «Sotto i nostri occhi l’Italia sta diventando uno stato fascista».

Ma folclore a parte, sono i governi europei a metterci sotto accusa, come ha confermato il presidente della Commissione Jean Claude Juncker. Se la Commissione Europea tollerasse i conti italiani, sarebbe ricoperta di «insulti e invettive». In sostanza Juncker ha detto chiaramente che ci sono Paesi che fanno pressione sull’esecutivo europeo affinché non conceda ulteriore flessibilità all’Italia.

Oggi il premier italiano avrà incontri bilaterali con la cancelliera tedesca Angela Merkel.

Tensione tra i diversi paesi europei. C’è chi appoggia l’Italia per il cambiamento e la determinazione mostrate in questi mesi. C’è, invece, chi vorrebbe vederli sprofondare di nuovo nella crisi profonda degli ultimi tempi.

Ma Salvini e Di Maio sono convinti che invece di un crollo ci sarà una crescita graduale per i prossimi tre anni. Questi i dati alla mano. Contrastati dagli esperti di Forza Italia.

Fonte: ilgiornale

Foto: silenziefalsità