Barcone in mare, ma Salvini smonta subito i possibili soccorsi: “Per me può restare dov’è.” Chiusa la polemica.

Il barcone è stato avvistato in acque maltesi. Prima che si inneschi un’ennesima lotta su chi ha delle responsabilità e chi no, il vicepremier lancia il suo siluro.

Intanto la Guardia Costiera italiana non si ferma mai. Pochi giorni fa, infatti, ha portato in salvo circa 70 migranti che non erano di sua competenza. Ecco perchè l’intervento tempestivo di Salvini sul nuovo avvistamento.

Ecco cosa scrive Il Giornale:

Un’altra imbarcazione con a bordo migranti in questo momento si troverebbe a largo di Malta. La Guardia Costiera di La Valletta non è intervenuta e lo scenario probabile è quello di una richiesta di intervento al centro operativo di Roma.

Ma il ministro degli Interni, Matteo Salvini ha già mandato un messaggio chiaro alle autorità maltesi respingendo qualunque ipotesi di un salvataggio in mare: “Noi siamo tra i paesi fondatori dell’Europa e vogliamo un’Europa che faccia poche cose ma le faccia bene, ad esempio difenda i confini.

Ancora in queste ore c’è un barcone fermo nelle acque di Malta, che vorrebbero far arrivare in acque italiane ma che, per quello che mi riguarda, rimane lì dov’è. 

Salvini chiama così in causa il resto d’Europa. Basta scaricare ogni peso sull’Italia e che inizino a scendere tutti in campo per difendere i confini dei paesi uniti all’Ue.

Fonte: ilgiornale

Foto: ilsussidiario