Adesso l’Austria si è davvero stufata degli Immigrati. Ecco il piano CHOC

Da tempo ormai da queste pagine vi narriamo dell’Austria e della sua politica sull’immigrazione.
Vi abbiamo più volte raccontato del fatto che in Austria viga ormai una linea dura contro l’immigrazione esagerata.

E pare che non vogliano proprio ripensarci.
Infatti a poco sono valsi anche gli inviti dell’Unione Europea.

Su il Giornale leggiamo che:

Altro che ripensamento, l’Austria va avanti rispetto a quanto annunciato, tempo fa, dalle forze politiche di destra che poi hanno vinto le elezioni.

Il nuovo ministro dell’Interno, Herbert Kickl, in un’intervista al quotidiano Tiroler Tageszeitung annuncia la creazione di una “unità per la protezione delle frontiere”. L’obiettivo è evitare di dover far fronte a un flusso di migranti simile a quello del 2015, quando centinaia di migliaia di persone attraversarono l’Austria per cercare di raggiungere la Germania e altri Paesi europei.

Come spiega il ministro, esponente del Fpoe, si tratta di un’unità di pronto intervento “in grado di avviare entro poche ore il management di confine” (controlli di frontiera) e “procedere all’identificazione” delle persone. “Non ci sarà più alcun lasciapassare”, assicura Kickl, che spiega di aver già istituito questa struttura di intervento: “Abbiamo comunque già controlli efficaci che funzionano, ma un anno 2015 non si deve ripetere”.

L’Austria vuole a tutti i costi difendere i propri confini.

Questo suo atteggiamento gli sta attirando le antipatie di molti altri paesi.
Voi cosa ne pensate, invece?

Diteci la vostra!

Foto Credit: Qui