Migranti, porcata dell’Onu: ecco perchè l’Egitto dice no ai magrebini, mentre loro indagano noi. Che scandalo!

Anche l’Egitto adesso vuole porre dei limiti all’immigrazione al fine di garantire maggiore sicurezza agli egiziani… ma del clamore che ha suscitato l’Italia nemmeno l’ombra.

Per coloro che provengono da Marocco, Algeria e Tunisia ci saranno delle procedure più stringenti circa il rilascio dei visti.

D’altra parte la Tunisia è divenuto il Paese da cui parte il maggior numero di terroristi, quindi qualche barriera può solo costituire un atto dovuto.

Come riportato da Libero “i regolamenti varati dal governo egiziano includono la richiesta di una dichiarazione bancaria che attesti che i richiedenti il visto abbiano non meno di 2.000 dollari sul conto corrente personale, oltre ad un certificato che ne accerti l’ occupazione lavorativa. Insomma, l’ Egitto non accetta più fannulloni. Chi batte la fiacca non può passare la frontiera.
E non è finita qui: i cittadini marocchini, algerini e tunisini dovranno altresì fornire conferme sulle prenotazioni dei biglietti aerei per lasciare il Paese una volta terminato il soggiorno nonché delle camere d’ albergo in cui alloggeranno.”

Intanto, però, ci si chiede: come mai nessuno è insorto contro lo Stato africano?

Eppure ricordiamo l’esigenza morale che avevano sentito tutti nell’attaccare la Penisola italiana, accusata di xenofobia e razzismo solo per aver esercitato la sua legittima sovranità.

L’Alto commissario Onu dei diritti umani aveva persino reso nota l’intenzione di inviare un gruppo di ispettori in Italia per controllare l’emergenza razzismo.

Ma come?

Il caso scoppia solo quando si parla del BelPaese?

A voi la parola.

Fonte: Libero

Foto credit: Libero