Macron chiama Saviano per distruggere insieme Salvini. L’incontro shock e la replica del ministro.

Roberto Saviano incontra Emmanuel Macron.

A che titolo lo scrittore campano va all’Eliseo Monsieur le Président Emmanuel Macron?

A margine della presentazione del suo ultimo libro è stato invitato dal capo di Stato francese per una chiacchierata sui temi politici e sociali, dall’immigrazione al ruolo delle organizzazioni non governative all’accoglienza europea.

Per molti è chiaro che si tratti di più di una semplice chiacchierata con uno scrittore che il presidente apprezzi. Che sia un atto politico è cosa nota, ormai, nota.

Il giornalista di Libero ha dunque sottolineato: “la presenza di Saviano all’Eliseo crea un cortocircuito mica da poco. In primo luogo perché le politiche che l’autore di Gomorra contesta a Salvini sono pressoché le stesse messe in atto da Macron, tanto che lo stesso Saviano ha dovuto ammetterlo in un’intervista a Mediapart, riconoscendo che con la sua linea delle frontiere chiuse il capo di Stato francese «offre a Matteo Salvini la possibilità di dire: voi mi criticate ma fate la stessa cosa»; contestazione che ovviamente Saviano non ha avuto il coraggio di ripetere a quattr’occhi al novello Napoleone…

In secondo luogo, la visita di Saviano rappresenta un segno di contraddizione perché quell’appello alla disobbedienza civile, se venisse esteso alla Francia, lo renderebbe immediatamente inviso a Parigi e dintorni, dato che non esiste Oltralpe, come d’altronde neppure da noi, una categoria giuridica che permetta di disobbedire alla legge per questioni ideologiche (esiste l’obiezione di coscienza, ma è un’altra storia).”

“Chi si somiglia si piglia”, è la replica di Salvini.

Sei d’accordo?

Fonte: Libero

Foto credit: LegaNapoli