“Chi lo crede solo il benefattore dei migranti si sbaglia….” Il Piano Diabolico che sta vuole controllare il Mondo Intero.

Un nome che spesso è stato associato alla Open Society che finanzia i trasporti dei migranti. Quello che ha donato 500 milioni di dollari alle Ong.

Il nome Soros, però, è ben altro. A rivelare la verità choc è una nota giornalista e conduttrice, la dottoressa Perucchietti. Ha indagato per molto tempo sul noto magnate, riuscendo a scoprire cose davvero incredibili.

Leggiamo su Il Populista:

Fallito il tentativo di portare Hillary Clinton alla Casa Bianca con 8 milioni di dollari devoluti alla sua campagna elettorale, il magnate si sarebbe poi focalizzato sulla tratta dei migranti. È stato lo stesso Soros, alla luce del sole quindi, a scrivere dalle colonne del Wall Street Journal che avrebbe finanziato con 500 milioni di dollari le Organizzazioni non governative (start-up, imprese già avviate e iniziative sociali) che avessero aiutato i migranti e i rifugiati.

Il mondialismo sognato da Soros ha prodotto non solo una globalizzazione delle merci ma anche una globalizzazione del pensiero e delle coscienze e ora sta cercando di creare una governance globale, in grado di gestire ogni aspetto di questo gigantesco puzzle.

Dietro il paravento della filantropia e del politicamente corretto, i finanziamenti di Soros mirano a dividere la società in due livelli: da una parte il potere economico detenuto da una élite tecno-finanziaria, dall’altra la “massa” indistinta di individui soli, senza legami e senza radici e senza identità, facili quindi da sfruttare e controllare.

Un uomo, un finto buonista, che riesce a nascondere la sua terribile volontà alla distruzione globale per creare un mondo da controllare senza ideali e senza identità.

Fonte: ilpopulista

Foto: valigiablu