Rapper Rom che canta: “Non vado a scuola e comando.” Poi la minaccia in tv: “Totò Riina ha fatto bene a farvi saltare in aria.”

Poco distante dal centro di Milano, in un campo rom la vicenda di aggressione e minaccia per una troupe. Voleva solo intervistare il ragazzino rapper.

Non gli hanno permesso di accedere al campo. La troupe televisiva è stata fermata e minacciata. E mentre il rom se la canta e dice di comandare, i parenti esaltano la figura di Riina.

Vediamo cosa scrive Il Giornale:

Il rapper di soli nove anni è già una star di Youtube. Suo padre e il nonno sono finiti in manette da poco. Così Stasera Italia ha voluto raccontare questa realtà che si nasconde nella periferia di Milano e che di fatto è allergica alle regole.

La “visita” della troupe però non è stata presa bene. E così i giornalisti e gli operatori sono stati minacciati: “Ha fatto bene Totò Riina a fravi scoppiare, non siamo zingari, siamo italiani e Salvini lo sa”, urlano i rom. Nel campo regna l’abusivismo edilizio con villette non non autorizzate in cui si nascondono spesso le refurtive di alcuni colpi e auto rubate.

I rom di via Bonfadini non amano i riflettori e così quando vedono una telecamera usano il linguaggio della minaccia e della violenza.

Intanto, il rom rapper sta facendo il giro del web con i suoi pezzi. Quanto gli porterà fortuna questa sua ribellione alla società italiana?

Lo scopriremo nel servizio delle telecamere di Mediaset.

Fonte: ilgiornale

Foto: ilgiorno