Salvini zittisce l’Europa: abbiamo il consenso degli italiani, conta quello perciò… Bomba vs Juncker.

Sulla manovra economica Salvini non ha alcuna intenzione di tirarsi indietro.

Anche se lo spread dovesse continuare a Salire, il ministro dell’Interno andrebbe avanti.

Ai microfoni di Radio Anch’io ha spiegato: “Se tagli le tasse aiuti la crescita. Noi puntiamo a un’Italia che non cresce dello zero virgola, ma del due, del due e mezzo”.

Reddito di cittadinanza, aumento delle pensioni di invalidità, quoziente familiare, premio alle famiglie numerose (“quindi un contributo alla natalità”) e superamento della legge Fornero, sono gli obiettivi dichiarati del nuovo governo.

Ed è proprio tra questi che ci sarà la ripartizione dei 16 miliardi di euro previsti dalla manovra.

Il leader del Carroccio ha affermato incredulo: “È incredibile che dopo i disastri che ha fatto il Pd ci si rimproveri: siamo qua da quattro mesi e la gente ha capito che, senza miracoli, facciamo quello per cui ci hanno votato, io nel mio su immigrazione, sicurezza, beni della mafia”.

Riguardo ai continui attacchi dell’Unione Europea, come dimostrano gli affondi di Juncker, Salvini replica poggiandosi sui risultati delle elezioni scorse:

“Questo governo ha il gradimento del 60% degli italiani”.

Poi un riferimento inevitabile al successo ottenuto sul fronte dell’immigrazione clandestina: “Rispetto all’anno scorso sono più di 85mila in meno gli immigrati arrivati nel nostro Paese. Questo dimostra che si poteva fare anche un anno, due anni fa…”.

Cosa pensi?

Fonte: IlGiornale

Foto credit: Polisblog