Ricordate la maestra che augurava la morte agli agenti? Sconvolgente cosa la polizia ha trovato in casa sua.

Lavinia Flavia Cassaro, la maestra che in un video da brividi augurava la morte ai poliziotti, è finita di nuovo nei guai.

Era stata immortalata dalle telecamere mentre urlava: “Vigliacchi, mi fate schifo, dovete morire”.

Parole shock, che le sono costate il licenziamento in tronco: “Un comportamento grave e allarmante, fortemente aggressivo e in grave contrapposizione alle forze dell’ordine e di conseguenza nei confronti dello Stato di cui le stesse sono una rappresentanza” riferiva il Ministero dell’Istruzione.

Bene, oggi la stessa Cassaro è finita in altri, grossi, guai: nel suo appartamento di Torino, infatti, è stata trovata della cocaina. In via Novara a Torino, gli agenti del commissariato Barriera di Milano hanno trovato un certo quantitativo di hashish e cocaina.

Ma non è finita qui, perché sul tavolo della cucina c’era anche un “Grinder”, utensile utilizzato per sminuzzare la marijuana. Il controllo dei poliziotti in casa della maestra – fa sapere La Stampa – sono stati del tutto casuali e non hanno di certo giovato alla Cassaro.

Infatti gli agenti non erano sulle tracce della donna, bensì di un marocchino di 38 anni, anche lui, come tanti altri residenti nello stabile, membro del collettivo dell’Area Antagonista.

Il controllo dà un’altra mazzata all’ex maestra, che si è guadagnata una segnalazione amministrativa, che si andrà a sommare all’indagine per i fatti accaduti a febbraio.

Fonte: Libero

Foto credit: libero