Kyenge si spacca in due per gli immigrati. Shock il suo discorso in Europarlamento: ecco i dettagli.

Cecile Kyenge torna all’attacco.

Proprio nelle ultime ore, infatti, l’ex ministro dell’integrazione ha chiesto l’istituzione per una giornata della memoria per i migranti che sono morti lasciando il proprio Paese.

“Il 3 ottobre 2016, 366 persone persero la vita al largo di Lampedusa nel tentativo di raggiungere le nostre coste. I governi di allora risposero lanciando la più grande missione umanitaria nel Mediterraneo, Mare Nostrum, il mio pensiero va alle vittime ma anche a chi si impegna ogni giorno a salvare vite umane, alle donne e agli uomini della guardia costiera, ai sindaci impegnati in accoglienza e integrazione, alle Ong sempre più minimizzate per la loro attività umanitaria, vorrei che questa data fosse ricordata come giornata della memoria per onorare tutti gli uomini, le donne e i bambini che hanno perso la vita perché costretti a lasciare il proprio Paese”.

Le polemiche non si sono fatte attendere e il web si è nuovamente scagliato contro la piddina Kyenge.

Come mai l’europarlamentare si fa viva solo per i migranti?

Come valutate voi l’accaduto?

Fonte: Libero

Foto credit: Gazzettadellasera