“L’Italia è un paese sul baratro”. Stanno impazzendo! Ecco chi l’ha detto

Soltanto alcuni giorni fa, il Cdm ha approvato il documento di economia e finanza (il Def), che tanto ha fatto discutere a causa di un rapporto deficit/pil al 2,4%, creando irrequietezza nei mercati e polemiche nelle opposizioni.

Adesso intervengono pure i tedeschi, nella fattispecie il giornale Handelsblatt, che si scaglia con veemenza contro le politiche economiche del governo Conte, senza risparmiare colpi, prevedendo addirittura una tragedia finanziaria sull’Italia.

Ma l’analisi del giornale tedesco va oltre, paventando addirittura una situazione così difficile per tutta l’Europa che potrebbe portare al crollo del sistema, spingendo addirittura l’Italia fuori dall’Euro.

“La Commissione europea ha fallito con la sua politica della generosità – si legge sul quotidiano tedesco – se il governo di Roma non correggesse il suo corso, un procedimento a causa del deficit troppo alto sarebbe inevitabile. Forse per questo è addirittura troppo tardi”.

A fronte di un premio di rischio sui titoli italiani in forte salita e di continue pressioni sulle nostre banche, la fuga di capitali sarebbe iniziata già “da tempo”.  “È possibile che il crollo sui mercati vada fuori controllo.

Come nel caso di una recessione o di un rincaro dei tassi – continua l’analisi – per l’Eurozona questo significherebbe una prova senza precedenti: dovrebbe possibilmente reggere anche per la prima volta l’uscita di un paese dall’euro”.

In questo scenario a tinte fosche, secondo l’analisi di Handelsblatt, “all’Eurozona non resterebbe altro che isolarsi: dovrebbe proteggere gli altri Stati membri e le banche, dall’essere coinvolti nella spirale deflazionistica.

Per l’Italia non ci sarebbe più alcuna ancora di salvezza nell’unione monetaria. Quello che questo significa si può vedere in Argentina – è la conclusione – iperinflazione, disoccupazione e impoverimento. Il prezzo per la negazione della realtà lo pagano tutti, non solo coloro che lo provocano”.

Certo, viene da chiedersi dove è stato l’Handelsblatt con le sue analisi deliranti negli anni passati. Ossia negli anni in cui i governi PD avevano portato il rapporto deficit/pil pure al 3% e comunque più in alto del 2,4% in 6 degli ultimi 7 anni. Probabilmente gli analisti tedeschi erano in compagnia di quelli italiani, a fingere che tutto andasse bene, salvo poi scagliarsi contro chi vuole cambiare le cose.

Fonte: Il Giornale

Fonte foto: Lettera43