Ma queste Coop le combinano di tutti i Colori. Ecco il Favoritismo per i Migranti con i Soldi Pubblici

Ormai siamo abituati a tutto.
Eppure invece notizie del genere ci fanno sempre arrabbiare.
Ecco come le COOP continuano a fare i loro intrallazzi.

Favoritismi.
Intrallazzi con soldi pubblici. Insomma davvero un qualcosa da cui stare alla larga.
Ecco quello che accade…

Su il Populista leggiamo che:

Favoritismi alla coop, si allarga l’inchiesta sugli immigrati di Cona
Nel registro sarebbero stati iscritti l’ex viceprefetto vicario di Padova e l’ex di Venezia. E siamo a quota tre…

Si allargano le inchieste delle Procure di Venezia e Padova sui presunti illeciti nella gestione degli hub per migranti di Cona (Venezia), gestito dalla cooperativa Edeco (ex Ecofficina). Nel registro degli indagati sarebbero stati iscritti ora il viceprefetto vicario di Padova Alessandro Sallusto (oggi a Bologna), mentre a Venezia il viceprefetto vicario Vito Cusumano (oggi Prefetto a Bolzano) e la dirigente Paola Spatuzza.

Nella prima inchiesta di Padova, chiusa ad agosto, erano già entrati il viceprefetto vicario Pasquale Aversa (ora a Gioia Tauro), e i due titolari della cooperativa, Simone Borile e la moglie Sara Felpati.

Le indagini puntano i riflettori su presunti favoritismi nei confronti della coop che sostanzialmente gestisce i grandi numeri dell’accoglienza migranti in Veneto, con rivelazioni di segreti d’ufficio da parte dei funzionari in occasioni delle ispezioni previste negli hub.

Voi cosa ne pensate?
Diteci la vostra!
Grazie.

Foto Credits: Il Populista