Shock: lo schifo della prof comunista vs Salvini. Cosa fa fare ai suoi studenti fa incaz*are i genitori e la Lega.

E’ possibile fare politica in classe?

Ebbene, è questo il quesito di fronte al quale si è trovato a discutere il web dopo il caso registratosi in provincia di Bologna.

Una classe di studenti delle medie è stata sottoposta ad una verifica di italiano piuttosto insolita. Tra le domande c’era anche: “Come facciamo a cacciare Matteo Salvini?”.

A segnalare il caso è stato proprio un genitore, che ha subito avvisato il commissario provinciale della Lega Marchetti:

“Si tratta di un fatto, qualora confermato, gravissimo. Se è vero che stiamo indagando sulla veridicità della segnalazione che ci è arrivata, è anche vero che sin da ora è possibile trarre alcune conclusioni incontrovertibili: come si fa a porre una domanda simile a dei ragazzini di 11-14 anni?”, ha tuonato l’esponente del Carroccio.

Ed ha continuato così: “A quell’età i ragazzi vanno educati, devono imparare la lingua italiana, la matematica, le scienze, la geografia, le lingue straniere. Vanno a scuola per imparare e farsi una cultura senza condizionamenti esterni, tanto più se questi sono di matrice politica. Il solo pensare di sottoporre un compito in classe porgendo una domanda simile agli studenti significa non essere in grado di adempiere con correttezza alla propria professione di insegnante”.

L’insegnante è divenuta subito oggetto di critiche anche da parte del segretario della Lega di Imola: “Qualora le verifiche che stiamo facendo portassero a confermare i fatti chiederemo al Provveditorato di prendere immediati provvedimenti contro quella professoressa che ha scelto la scuola non per educare, quanto per fini di propaganda politica”.

Intanto, il diretto interessato si è dichiarato sconcertato: “Non ci voglio credere, e infatti andrò fino in fondo per verificare se siamo di fronte a uno scherzo o a una triste realtà. Scriverò al ministro della Pubblica Istruzione. Un abbraccio a quei bimbi da parte di un papà che lavora per una scuola senza pregiudizi in un Paese libero”.

Ecco il compito incriminato.

Cosa ne pensi?

Fonte: Libero

Foto credit: Libero