I “buonisti” partono alla rivolta contro il decreto Salvini: “Matteo Salvini razzista, fascista e xenofobo.” Chi è la portabandiera?

Era tutto già previsto. E’ normale che dopo l’approvazione del Dl Salvini ci sarebbe stato il coro della sinistra a gridare contro. E così è stato!

A capitanare la sinistra buonista non poteva mancare la Kyenge, con Fico e Minniti. Le accuse pesanti contro il Ministro dell’Interno, definito razzista e fascista.

Leggiamo cosa riporta Il Giornale:

Ma non solo. Ci sono esponenti che prevedono l’apocalisse o addirittura paventano attentati nel nostro territorio. Altri che lanciano l’allarme sul ritorno delle leggi razziali e così via. Con buona pace del ministro dell’Interno che ha realizzato quello che ha sempre sostenuto in campagna elettorale e secondo il quale le nuove norme sanciranno “lo stop a furbetti e finti profughi, più sicurezza e più giustizia”. Solo “buonsenso” per Salvini. Solo follia per la sinistra unita.

“Altro che Italia più sicura! Il decreto anti-migranti aumenterà il numero di clandestini perché limita enormemente il diritto di asilo; fa apparire il migrante come tale “diverso” e pericoloso riducendo così la gigantesca questione sociale dell’immigrazione ad un problema di ordine pubblico; introduce una sorta di apartheid giuridico per i richiedenti asilo i quali, se condannati in primo grado, si vedranno negare tale richiesta, mentre le leggi e la Costituzione sanciscono il principio di non colpevolezza finché la sentenza non è definitiva”, tuona la presidente nazionale Anpi, Carla Nespolo.

“Passerà alla storia come decreto insicurezza”, afferma l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti che poi sciorina una profezia catastrofica: “Altri paesi hanno fatto in anni passati come sta facendo l’Italia. A un certo punto si sono svegliati e hanno visto dei loro figli che facevano attentati nelle loro capitali. 

Ognuno ha detto la sua a riguardo. Nessuno si è risparmiato sul Decreto Sicurezza e Migrazione. Ma Salvini di tutta risposta non ritorna su sui passi.Anzi, più che mai è deciso a non spendere 5 miliardi di euro per finti profughi che gironzolano nel nostro paese.

Fonte: ilgiornale

Foto: ilgiornale