La Francia attacca duramente l’Italia: “prendete Aquarius2 oppure è la fine per voi”. Quale minaccia c’è dietro.

Dopo le parole di Matteo Salvini, che diceva Aquarius 2 non attraccherà mai in Italia, Parigi non allenta la pressione contro l’Italia.

Il ministro francese per gli Affari europei, Nathalie Loiseau, intervistata da Sud radio ha dichiarato: “L’Europa è dieci volte più solidale di quanto non lo fosse in precedenza, è il motivo per cui ridiciamo all’Italia che l’idea di chiudere i propri porti a delle persone in pericolo è contrario al diritto, è contrario all’umanità”.

La Francia dice no all’attracco di Aquarius 2 a Marsiglia, la Ong con 58 migranti a bordo. Dopo le indiscrezioni su Emmanuel Macron, la conferma del ministro francese dell’Economia, Bruno Le Marie: “Per ora diciamo no”, ha tagliato corto in un’intervista a Bfm-Tv-Rmc.

Dunque, Le Marie ha tirato in ballo l’Italia, affermando: “La nave deve attraccare nel porto più vicino”. E a parlare dell nostro Paese è stato Said Ahamada, deputato di En Marche, il partito di Macron:

“Se l’Italia vuole continuare a far parte dell’Europa deve rispettare le regole. Il diritto marittimo internazionale si applica alla Francia, ma anche all’Italia”.

A rendere la situazione ancor più tesa, infine, l’allarme-meteo. Dall’Aquarius, che comunque continua a dirigersi verso la Francia, fanno sapere: “In questo momento abbiamo 58 persone a bordo soccorse tra giovedì e sabato.

Abbiamo avuto bel tempo, situazioni ideali per le partenze. Le condizioni meteo stanno peggiorando e nelle prossime ore aspettiamo mare con onde fino a 5 metri. Per questo diventa importante e fondamentale trovare un porto per sbarcare in sicurezza tutte queste persone”.

Fonte: Libero

Fonte credit: euronews