Salvini zittisce Tria. “Con o senza il volere del ministro dell’Economia i tagli ci saranno”.

Il messaggio di Salvini tuona forte e chiaro. E i deficit, dice ancora il vicepremier, non è un problema.

In vista della Legge di Bilancio molte sono le preoccupazioni. Tria continua ad opporsi ma Matteo Salvini lo mette ko.

Leggiamo cosa scrive Il Giornale:

Il leader della Lega manda un messaggio chiaro in vista della legge di bilancio: “Il deficit non è un problema”. Non usa giri di parole e in queste ore calde per il Tesoro alle prese con gli attacchi di Casalino, le parole di Salvini di fatto riportano via XX Settembre nuovamente sulla strada della ricerca delle coperture per finanziare la manovra.

“La legge di bilancio? Una cosa è importante: che sia coraggiosa. Se lo sarà, e lo sarà, gli zero virgola di deficit in più non conteranno niente”. Poi marca la differenza tra questo governo e le manovre di quelli precedenti: “Non possiamo mai dimenticarci un numero: le manovre soffocanti hanno aumentato il debito di 250 miliardi in cinque anni.

Ormai è chiaro: se il paese non cresce, il debito aumenta. Se cresce, il debito si riduce. Se fossi in Tria, chiederei a Salvini e Di Maio di fare spese intelligenti”, spiega in un’intervista al Corriere. 

Detto questo, durante il suo intervento, dedica qualche minuto alla storia di Casalino. Non sembra averlo turbato quanto è uscito fuori, ma una cosa la dice lo stesso: Casalino è stato incauto!

Fonte: ilgiornale

Foto: liberoquotidiano