La paladina dell’accoglienza caccia gli italiani dal suo Paese: “andate via poveri” e scoppia il caos.

Angela Merkel, insieme ad Emmanuel Macron, si è sempre dichiarata favorevole all’accoglienza senza limiti… ma i fatti iniziano a parlare nel verso opposto.

Dopo la notizie dei 40mila algerini rimpatriati, la cancelliera tedesca finisce di nuovo sotto i riflettori per aver allontanato ancora qualcuno dal suo Paese.

Ebbene, nel suo mirino sono finiti gli italiani che non hanno i necessari mezzi di susstenza.

Ad alcuni, infatti, sono arrivate delle lettere da Jobcenter o da Uffici Stranieri dei comuni in cui si trovano, nelle quali si prospettano dei possibili allontanamenti dalla Germania.

Nelle lettere ufficiali si ricorda che i cittadini comunitari «hanno libertà di soggiorno nel territorio federale se dispongono di protezione sanitaria e di mezzi di sussistenza sufficienti».

Chi l’ha ricevuta, quindi, ha 15 giorni di tempo per trovare un lavoro, anche part-time, o per dimostrare che ne stiano realmente cercando uno.

La Germania non cambia la sua linea guida: chi ci vive deve essere autosufficiente e in grado di versare i contributi obbligatori.

Nessuno scontro nemmeno per le neomamme, come testimonia una giovane donna: «Mi hanno comunicato che avevo quindici giorni di tempo, visto che non potevo provvedere a me stessa, per trovare un lavoro: altrimenti mi avrebbero rimpatriato e mi avrebbero pure pagato il viaggio a me e alle bambine se non potevo permettermelo».

Cosa ne pensi?

Fonte: SecolodItalia

Foto credit: SecolodItalia