Doveva costruire la moschea. Ma quei soldi non ci sono più. Dove sono? Il racconto shock.

C’è chi dice che i furbetti esistono solo in Italia. Ma evidentemente tutto il mondo è paese, come si dice. E il racconto riportato di seguito ne è una dimostrazione.

Siamo in Italia, ma nel mondo islamico radicato nel nostro territorio. A quanto pare, il medico giordano Imad el Joulani doveva costruire una mosche a Bergamo in via Baioni.

Ed invece, si è scoperto che con i soldi arrivatigli dal Qatar, ovvero 2,2 milioni, ha messo in piedi un centro islamico in un capannone con terreno in via S. Fermo e il resto se lo sarebbe messo in tasca.

E’ quanto viene contestato al cardiologo, presidente della Comunità Islamica Bergamasca, da Ayyoub Abouliaqin, già direttore della sede londinese della Qatar Charity Foundation.

Poco chiara da sempre è risultata la sua persona. “Personaggio poco limpido“, lo definisce Abouliaqin, che l’ha portato in tribunale con l’accusa di truffa.

Come finirà questa storia. Nella speranza che la giustizia porti chiarezza.

Fonte: Il Populista

Foto credit: bergamo.corriere