Rimpatrio coatto. Nella Germania di Angela Merkel ecco la fine che fanno gli italiani: sei povero, vai a casa.

Nella Germania di Angela Merkel, paladina in Europa dell’accoglienza e dell’integrazione, le cose si mettono male, non per i profughi delle guerre africane ma per i cittadini italiani.

Nelle lettere ufficiali recapitate nelle scorse settimane si ricorda che i cittadini comunitari «hanno libertà di soggiorno nel territorio federale se dispongono di a protezione sanitaria e di mezzi di sussistenza sufficienti».

I destinatari vengono messi così di fronte ad un out-out: o trovano in fretta un lavoro, oppure fanno le valigie e tornano in Italia. Tempo, quindici giorni. Altrimenti si procederà all’abschiebung.

L’ondata di circolari minatorie sta mettendo a rumore il mondo degli italiani di stanza in Rft: soprattutto i più giovani, la generazione attirata dal mito della piena occupazione e del sistema di welfare della locomotiva d’Europa.

Un ampio servizio di Cosmo, la trasmissione in italiano di Radio Colonia, pochi giorni fa ha dato conto dell’inquietudine che serpeggia all’interno della comunità tricolore, intervistando i rappresentanti dei patronati sindacali alle prese con la nuova emergenza, sulla cui legittimità vengono avanzate robuste perplessità: perché se da un lato l’iniziativa è basata su una legge tedesca dell’anno scorso, dall’altro sembra muoversi in piena rotta di collisione con le convenzioni dell’Unione europea.

L’iniziativa dei Centri per l’impiego e degli Uffici stranieri parla senza mezzi termini di espulsione coatta dei cittadini europei. Ed è questo a suscitare l’incredulità e le proteste di chi ha ricevuto la lettera.

La radio ha raccolto testimonianze di giovani italiane che hanno ricevuto l’ultimatum nonostante avessero appena partorito o fossero in stato di avanzata gravidanza: «Mi hanno comunicato che avevo quindici giorni di tempo, visto che non potevo provvedere a me stessa, per trovare un lavoro: altrimenti mi avrebbero rimpatriato e mi avrebbero pure pagato il viaggio a me e alle bambine se non potevo permettermelo».

Assurdo, non credete?

Fonte: Il Giornale

Foto credit: geopolitica