Prete fa battaglia contro l’Islam radicale, e ora rischia la vita. Rapito da jihadisti

Padre Maccalli, missionario della diocesi di Crema
Niger, jihadisti rapiscono il sacerdote italiano anti-sharia
Si batteva contro l’infibulazione islamica ed insegnava a leggere e scrivere a uomini e soprattutto donne. Era una spina nel fianco dei fondamentalisti

Il prete che si è sempre battuto contro l’Islam ora rischia la vita proprio a causa dei Jihadisti.
La sua storia sta facendo il giro del mondo.
Ecco cosa rischia.

“Nella notte tra lunedì 17 e martedì 18 settembre, è stato rapito da presunti jihadisti attivi nella zona, padre Pierluigi Maccalli, della Società delle Missioni Africane (Sma)”. Lo dice all’agenzia Fides padre Mauro Armanino, missionario a Niamey, in Niger. “Da qualche mese la zona si trova in stato di urgenza a causa di questa presenza di terroristi provenienti dal Mali e il Burkina Faso”, aggiunge. Padre Maccalli, originario della diocesi di Crema, già missionario in Costa d’Avorio, si trovava nella parrocchia di Bomoanga, diocesi di Niamey.

Maccalli è nato il 20 maggio 1961, è originario della Parrocchia di Madignano. L’agenzia vaticana Fides ricorda che padre Maccalli da tempo mette insieme evangelizzazione e promozione umana: scuole, dispensari e formazioni per i giovani contadini. Attento all’inculturazione ha organizzato momenti di iniziazione in relazione con le mutilazioni genitali delle ragazze. Può essere uno dei moventi per il rapimento, giunto una settimana dopo il suo rientro da un tempo di riposo in Italia.

La Missione Cattolica dei Padri Sma si trova in zona Gourmancé (Sud-Ovest) alla frontiera con il Burkina Faso e a circa 125 km dalla capitale Niamey. Il popolo Gourmancé è interamente dedito alla agricoltura e stimato in questa regione attorno a 30mila abitanti. La Missione è presente dagli anni ’90, e i villaggi visitati dai missionari sono più di 20, di cui 12 con piccole comunità cristiane, distanti dalla missione anche oltre 60 km.

Insomma la situazione è gravissima.
Ciò non ha fermato la chiesa dal voler andare avanti.

La Chiesa cattolica in Niger sostiene fortemente che attraverso le opere sociali “cresca il regno di Dio” ed è per questo che la Missione di Bomoanga ha un programma di impegno di Promozione Umana e di Sviluppo attraverso le sue cellule di base chiamate CSD (Comité de Solidarité et Developpement). La povertà è strutturale, i problemi di salute e igiene sono enormi, l’analfabetismo diffuso e la carenza di acqua e di strutture scolastiche ingenti. La mancanza di strade e di altre vie di comunicazione, anche telefoniche rendono la zona isolata e dimenticata.

Voi cosa ne pensate?
Diteci la vostra!
Grazie.

Foto Credits: Il Populista