Indaghiamo il pm che accusa Salvini per “omissione di atti d’ufficio”: può cambiare tutto così. Notizia shock.

“Se fosse stato convinto, una volta salito a bordo della nave e verificato lo stato di limitazione illegale della libertà avrebbe dovuto, non potuto ma dovuto, liberare gli ostaggi e sequestrare la nave come corpo di reato: perché il codice impone alla polizia giudiziaria, e al pm che ne è il capo, di evitare che il reato venga portato a conseguenze ulteriori. Ora siamo al paradosso che se il reato di sequestro di persona a carico di Salvini fosse confermato, lo stesso pm di Agrigento potrebbe essere indagato per omissione di atti d’ufficio“.

Ad intervenire sulla dibattuta indagine a carico del ministro dell’Interno, questa volta, è l’ex magistrato Carlo Nardio.

Quest’ultimo, senza alcuna esitazione, ha messo in dubbio la validità della denunce che Salvini ha accumulato con il caso della Diciotti.

Inutile dire che le sue parole sono già rimbalzate sul web a sostegno di coloro che gridavano l’innocenza del leader del Carroccio da settimane.

E tu? Cosa ne pensi?

Foto credit: Tiscalinotizie