Incredibile cosa ha scoperto questo Giudice: gli stranieri si fanno beffe della nostra giustizia

Si chiama Ignazio de Francisci, ed è procuratore capo di Bologna, che ha espresso molti dei suoi dubbi nel discorso di inaugurazione dell’anno giudiziario.

Un po’ di tempo fa su “La Verità”, è uscita un’esclusiva intervista nel quale ha rilasciato dichiarazioni molto forti.

Ha iniziato dicendo che in Italia “c’è un malinteso senso di accoglienza che disorienta i giudici” che quindi diventerebbero molto più clementi con i furfanti stranieri, rispetto a quelli italiani.

Inoltre, secondo De Francisci, le nostre carceri sarebbero ricercate dagli stranieri “perché meno dure e perché si esce più in fretta”.

In pratica, accade che a causa di una serie di regole europee, un immigrato che viene arrestato in un altro paese della comunità europea, può richiedere di scontare la pena qui da noi in Italia.

E così le nostre carceri diventano quelle più ambite da una gran bella parte di furfanti immigrati di mezza Europa.

Perché l’Italia è uno dei pochissimi paesi della Comunità Europea dove vige il principio della buona condotta, con enormi sconti di pena.

Come se non bastassero i deliquenti nostrani, ci ritroviamo a carico dello stato anche migliaia di deliquenti stranieri!

La legge è uguale per tutti? A quanto pare no!
Voi cosa ne pensate?
Diteci la vostra! Grazie.

Foto Credit: Qui
Fonte: pagina 8 dell’edizione cartacea de “La Verità” (31-01-17)