I migranti denunciano Salvini? A proporlo è la Procura per definire il caso Diciotti.

Fuoco e fiamme per attaccare il vicepremier, ma la procura riceve un bel no dai migranti sbarcati dalla Diciotti.

Da Ventimiglia si sta scovando in ogni angolo della strada per riuscire a scovare alcuni dei migranti della Diciotti per fare da testimoni contro il vicepremier della Lega.

Il Giornale riporta:

Quarantadue i migranti che si troverebbero nella città di confine, dove sono stati accompagnati dagli attivisti dell’associazione umanitaria “Baobab”.

Il condizionale, però, è d’obbligo, perché molti di loro potrebbero già essere espatriati clandestinamente in Francia. Una decina quelli rintracciati dagli agenti del locale commissariato, ma a quanto pare i migranti della “Diciotti” sarebbero più interessati a lasciare il nostro Paese, piuttosto che costituirsi parte civile, un domani, di fronte a un eventuale rinvio a giudizio di Salvini.

A dire il vero, molti dei migranti non sarebbero neppure al corrente dell’inchiesta giudiziaria o per lo meno ne ignorerebbero i contorni. Una volta rintracciati, agli interessati viene rilasciato l’atto della Procura, dal contenuto di poche righe.

Salvini, però, non appena appresa la notizia ha risposto in modo ironico. Certo. Secondo il vicepremier sembra di stare in una commedia di fronte alle metodologie utilizzate dalla Procura.

Fonte: ilgiornale

Foto: panorama