Che botta. In Italia mancavano solo gli Ispettori Onu. “Interveniamo per difendere Rom e Migranti.”

Dopo la chiusura dei porti alle Ong. Dopo le inchieste aperte contro Salvini, ora arriva l’Onu a dare lezioni all’Italia.

Da Ginevra arrivano notizie che in Italia avanza il razzismo e la violenza. Questo è quanto dicono di noi, ma la realtà e tutt’altra. Ecco, quindi, che inviano nel nostro Paese, per tutelare il prossimo, gli ispettori Onu.

Leggiamo su Il Giornale:

“Abbiamo intenzione di inviare personale in Italia per valutare il riferito forte incremento di atti di violenza e di razzismo contro migranti, persone di discendenza africana e rom”, ha dichiarato Bachelet. Stesso discorso varrà anche per l’Austria.

“Il governo italiano ha negato l’ingresso di navi di soccorso delle Ong. Questo tipo di atteggiamento politico e di altri sviluppi recenti hanno conseguenze devastanti per molte persone già vulnerabili. Anche se il numero dei migranti che attraversano il Mediterraneo è diminuito, il tasso di mortalità per coloro che compiono la traversata è risultato nei primi sei mesi dell’anno ancora più elevato rispetto al passato”, ha precisato l’Alto commissario.

E ancora, secondo Bachelet, gli sforzi dei governi per respingere gli stranieri non risolvono la crisi migratoria e causano solo nuove ostilità. “È nell’interesse di ogni stato adottare politiche migratorie radicate nella realtà, non in preda al panico”, ha detto l’ex presidente cileno criticando l’erezione dei muri di confine, la separazione delle famiglie di immigrati e l’incitamento dell’odio contro i migranti. “Queste politiche non offrono soluzioni a lungo termine a nessuno, solo più ostilità, miseria, sofferenza e caos”, ha affermato.

Il problema, però, in Italia in questo modo non si risolve. Se il resto d’Europa continua a voler gestire la nostra politica le cose peggioreranno solamente. Ci si preoccupa di fare la morale, ma agli italiani dagli atti violenti dei migranti, stupri e furti, chi li difende?

I moralisti dovrebbero preoccuparsi delle questioni del loro Paese.

Fonte: ilgiornale

Foto: larepubblica