Conte sempre più vicino a Salvini? Altro scacco del premier. Si smarca da Di Maio e spiazza tutti così.

Il premier italiano Giuseppe Conte da Cernobbio ha spiazzato tutti. C’è chi dice che si stia smarcando sempre più da Di Maio. E’ presto per dirlo. Ma una cosa è certa: le sue affermazioni non saranno piaciute al vicepremier grillino.

Dal palco di Cernobbio Conte ha affrontato diversi temi, dalla manovra economica, alla revoca delle concessioni ad Autostrade, alla coesione del governo. Ma proprio su questa coesione sembra esserci qualche scricchiolio.

Parlando di Autostrade, il presidente del Consiglio ha spiegato: “Ci confronteremo, esamineremo e poi decideremo con fermezza. Decideremo di andare alla caducazione serenamente, se ci sono gli estremi.

Sono stato definito un irresponsabile, uno che fa scappare gli investitori che non verranno più in Italia. Ci saranno tutte le garanzie di legge, non siamo fuori dallo stato di diritto”.

Fin qui tutto normale. Ma poi arriva una frase sulle nazionalizzazioni che spiazza: “Non siamo per le nazionalizzazioni, non siamo per le privatizzazioni, ma per una gestione efficiente delle risorse pubbliche.

Delle volte sarà necessario affidarsi ai privati, ma d’ora in poi consentiremo la remunerazione dell’investimento. Sappiamo cos’è il rischio di impresa e lo sconteremo ma sappiamo anche cosa significa depredare le risorse pubbliche e non lo consentiremo più”.

Giuseppe Conte, quindi, inizia a puntare i piedi, in modo neanche troppo velato. Cosa ne penserà Di Maio di queste sue affermazioni?

Fonte: Il Giornale

Foto credit: huffingtonpost