L’idea di Salvini per l’Europa: “Cambi o sarà schiacciata da due colossi”. Ecco il messaggio del vicepremier

Questa settimana il commissario europeo al bilancio, Oettinger, aveva accusato l’Italia di voler distruggere l’Europa. Qualche giorno dopo arriva la replica del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Un discorso incentrato sull’Europa e sul suo futuro, in cui da una parte proclama fiducia nelle istituzioni continentali ma dall’altra dichiara che senza un cambiamento, il rischio è grande.

Le sue parole al Forum Ambrosetti di Cernobbio sono state decise ma possibiliste, pur rimanendo fedele alle sue posizioni su temi come la gestione dei flussi migratori e gli accordi europei da rivedere.

«Spero che l’Europa cambi perché ci tengo all’Europa, lo spirito di oggi non è quello dell’Europa delle origini, con tutto il rispetto per i governanti. In Europa bisogna cambiare le regole, non sovvertirle. L’Europa sarà piccola e schiacciata da due colossi.

Sarei a favore di un piano di finanziamento serio e concreto dell’Unione europea in termini di sviluppo. Dico serio e concreto perché ho fatto l’europarlamentare per diversi anni e i piani di investimento erano solo sulla carta e non reali. Io vorrei che l’Europa fosse seria per i soldi che ci mette lei, se poi ci saranno moltiplicatori per l’investimento dei privati tanto meglio, però il gioco delle tre carte non mi piace».

Il vice premier leghista, quindi, conferma l’importanza dell’Unione Europea e del suo ruolo a livello internazionale, ma rimane convinto che qualcosa debba cambiare, se a Livello dell’Ue «i soldi non li spendi i problemi non li risolvi». E dal palco di Cernobbio anche Sergio Mattarella ha voluto ribadire l’importanza dell’Unione Europea e ha invitato tutti i governi degli Stati membri a «contribuire con atteggiamenti e proposte costruttive a garantire il miglior funzionamento dell’Unione».

Insomma, l’Ue c’è nonostante alcuni limiti e ostacoli che spesso rallentano le prese di posizione. Nessuno la vuole distruggere a differenza di quanto detto qualche giorno fa dal Commissario europeo responsabile del Bilancio, Guenther Oettinger, rivolgendosi al governo giallo verde. Ma tutta quella grande macchina va migliorata. E anche in fretta“.

Che Matteo Salvini – attraverso le giuste alleanze e seguendo i propri principi – voglia cambiare tutta l’Europa oltre che l’Italia? Certamente sì, e non ne fa mistero. E forse, questa linea è l’unica opzione possibile per una Europa dal futuro e di crescita.

Fonte: Il Giornale

Fonte foto: Blasting News