Kyenge si fa garante di un rom e lo fa liberare: ma lui fa peggio. Kyenge rischia?

Pur di evitargli l’espulsione Kyenge si era battuta per liberarlo dal Cie e ci era anche riuscita.

Stiamo parlando del rom Senad Sederovic che aveva ottenuto la libertà dopo la battaglia messa in campo dall’allora ministro dell’integrazione.

E in effetti egli è tornato ad essere libero. Si… di delinquere.

Sono seguiti tre arresti, l’ultimo dei quali dopo un inseguimento con sparatoria sull’autostrada Milano Venezia.

Le accuse di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale erano doverose. Una conquista politica, quella della piddina, che ci regalò la presenza di un soggetto che, con altre tre persone, evitò un posto di blocco fino a speronare la gazzella dei carabinieri, con aggressione finale.

I complici, per giunta, non furono arrestati.

Eppure Kyenge andò fiera di quanto ottenuto allora, al punto da farsi immortalare con Senad e suo fratello fuori dal Cie di Modena.

Inutile dire che gli italiani non gliel’abbiano mai perdonata.

Cosa ne pensi?

Fonte: IlPopulista

Foto credit: IlPopulista