“Lapidazione Social” del Pd per una parola. Serracchiani attaccata dai suoi colleghi.

In un suo post, la dem, ha scritto il termine “clandestini” e ora deve subire l’umiliazione dei piddini.

Se utilizzi alcuni termini allora vuol dire che sei leghista e quindi il Partito Democratico ti attacca su tutti i fronti.

E’ quello che è accaduto alla Serracchiani.

Ma leggiamo su Il Giornale:

L’esponente Pd, in un post su Twitter, aveva attaccato Matteo Salvini giudicandolo responsabile della diffusione di oltre 12 mila clandestini. Notizia smentita dai fatti, trattandosi di persone a cui non è stato rinnovato il permesso di soggiorno e che per questo sono diventate irregolari, in attesa di essere espulse dal territorio nazionale in base a un provvedimento su cui lavorerà il Viminale.

Ma ora per la Serracchiani il problema è un altro, ovvero le accuse di vicinanza alla Lega per l’uso del termine “clandestini”. Qualcuno l’ha presa in giro; qualcun altro l’ha attaccata duramente al punto da invitarla a prendere la tessera del partito di Matteo Salvini.

“Noi non siamo quella roba lì”. Il riferimento della deputata Pd Giuditta Pini è alle parole di Debora Serracchiani. 

La verità è che non solo gli esponenti Pdsi sentono turbati per il termine poco adatto, ma anche perchè nei commenti a seguire, sembra che molti degli ex elettori di sinistra abbiano attaccato la vecchia guardia al governo.

Un fallimenti sempre più confermato dall’opinione dei cittadini.

Fonte: ilgiornale

Foto: larepubblica