E i buonisti ci chiedono di adattarci ai migranti? Inquietante. Cosa ha fatto un padre islamico a sua figlia.

Quanto è accaduto la dice lunga sulla mentalità di certi fondamentalisti che la Sinistra vorrebbe nel nostro paese e in tutta Europa.

Sarebbe questo lo “stile di vita” a cui dovremmo adattarci? No grazie. La notizia sta facendo il giro del mondo, dopo la denuncia della giornalista Pamela Geller.

In breve, un padre è stato arrestato per aver legato e fatto viaggiare la figlia tredicenne sulla rastrelliera per biciclette sul retro del suo furgone. Il video è diventato virale dopo che il filmato è stato divulgato dall’agenzia di stampa turca Anadolu e pubblicato sui social media.

L’operato di questo padre scriteriato ha causato molta indignazione sui social media e in molti hanno chiesto che venisse arrestato e gli venisse tolta la custodia di sua figlia. Solo dopo tutto questo clamore la polizia turca s’è mossa, incarcerandolo.

Il fratello della ragazza prende le difese del padre e addirittura afferma che la ragazzina era d’accordo: “si è divertita a cavalcare il portabici; non era legata contro la sua volontà”.

Ma le immagini dimostrano il contrario. Si vede tutt’altro che una ragazzina sorridente, bensì una povera donna impacchettata come un salame, sostenuta dal cavo elastico dei bagagli.

La sventura della poverina? Essere donna. “Mio padre voleva renderla felice“, insiste il fratello ventiduenne. Strano modo di volere la felicità altrui, non credete?

Fonte: Il Populista

Foto credit: ilpopulista