Prete denuncia i migranti: “guardate come mi hanno rovinato”. Il racconto.

Don Angelo Bettoni, 78 anni, parroco della chiesa di Claviere, un piccolo Comune in provincia di Torino, ha denunciato i migranti che ospitava.

Una mossa questa che fa discutere, dato l’andamento attuale del mondo cattolico che accoglie senza discriminazioni chiunque. Tutto fa brodo ormai.

Ma non per questo prete: aveva percepito l’arrivo dei migranti, in fuga verso le Francia ma respinti dalla polizia francese.

Oltre al fastidio dell’occupazione, ci sarebbero stati anche altri screzi tra don Angelo e i migranti: il sacerdote, infatti, aveva richiesto di portare fuori dalla chiesa dei pali che servivano per appendere uno striscione, ma gli occupanti avevano risposto con un secco “no”.

Inoltre sembra che i migranti abbiano anche danneggiato alcune parti della chiesa. Dalle parole, il parroco è allora passato ai fatti, presentando denuncia per invasione di edificio altrui e danneggiamento, come riportato dal Corriere della Sera. La denuncia sarebbe il presupposto giuridico necessario per operare uno sgombero, ipotesi abbastanza remota.

Ma oltre ai migranti, la chiesa è stata invasa anche dagli anarchici, che non hanno mai abbandonato l’edificio.

La tensione nel paesino torinese non si placa; anzi, è destinata a salire, in previsione del “campeggio itinerante passamontagna”, che ha lo scopo di accogliere un dibattito tra antagonisti francesi e italiani.

Fonte: Il Giornale

Foto credit: ilgiornale