Il Ministro Salvini esulta: “Volere è potere.” I dati Oim confermano: gli sbarchi in Italia sono diminuiti.

I numeri la dicono lunga e confermano quanto anticipato dal ministro dell’interno. Infatti mentre in Italia diminuiscono la Spagna ha avuto un grosso aumento.

Da un lato si gioisce per essere riusciti a raggiungere una schiacciante vittoria, rispetto a quelle che erano state preventivate e, molto spesso, criticate.

Vittoria sì, ma anche rammarico e tristezza per i dati dei decessi in mare. Purtroppo, il numero è abbastanza alto. Non riguardano solo i mari italiani.

Leggiamo su Il Giornale:

A diffondere i numeri, peraltro, non è il ministero dell’Interno. Ma l’Oim, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, che ha i dati aggiornati al 29 agosto del 2018. Dunque freschissimi. Bene. Cosa dicono le fredde cifre? Beh, che il numero di arrivi di migranti registrato a fine agosto è il più basso mai registrato in questo periodo estivo negli ultimi cinque anni. Matteo Salvini potrà gioire.

Questo, ovviamente, per quanto riguarda l’Italia. Allo stesso modo non possono gioire gli amici spagnoli, che invece – da quando la rotta del Mediterraneo centrale è stata sbarrata – si trovano a far fronte con una crescita esponenziale degli sbarchi.

La penisola iberica, infatti, è diventato il Paese europeo con più sbarchi. Ne vede arrivare sulle sue coste il 42% di tutto il Vecchio Continente, ricevendo un numero di migranti che è “più di due volte rispetto alla Grecia e più di sei volte rispetto all’Italia”.

Fonte: ilgiornale

Foto: ansa