La Sinistra è Democratica? Macché guardate che combinano a Salvini! Da galera…

La sinistra italiana ormai è quanto di più incoerente ci possa essere.
Dicono di essere per la democrazia, di essere per il prossimo, di volere rispetto per tutti, ma ecco cosa combinano.
In particolare il loro obiettivo è sempre e solo Salvini.

Su il Populista leggiamo che:

Toc toc, giudici? Toc toc, intellettuali dem? C’è nessuno? Nessuno ha nulla da dire dopo che ieri, nelle piazze di Milano, è andata in scena la “meglio Sinistra democratica”, con insulti all’indirizzo del ministro dell’Interno e cartelli che lo raffiguravano come Hitler e gli auguravano di finire appeso a testa in giù come Mussolini? Un casino della malora, andato avanti per settimane, per un uovo in faccia ad un’atleta compagna e di colore, lanciato dal figlio di un compagno, e ora nulla in difesa di una delle massime autorità dello Stato, minacciata esplicitamente di morte e insultata davanti alle telecamere?

“Di fronte alle nostre telecamere ne dicono di tutti i colori”, scrive Il Giornale. “C’è chi lo definisce candidamente un imbecille e chi invece lo vedrebbe bene tra i banchi della terza media. Tra quelli per le frontiere aperte e i vari siamo tutti clandestini, un manifesto lo epiteta come il ministro delle interiora mentre altrove appare con una svastica in fronte. ‘Sto cercando un aggettivo da attribuire a un essere umano ma viene molto difficile…bestia?’, dice un ragazzo”.

“Che poi aggiunge: ‘Razzista e fascista, cos’altro vuoi dirgli?’. Un signore, pizzetto e capelli bianchi su una maglietta rossa: ‘Una persona ignobile. Solo perché è in Italia è a piede libero perché se fosse in Francia o in Germania sarebbe già in galera. È fascista, ladro e furbo’. C’è pure chi si sbizzarrisce in altro modo con un più innovativo troglodita. Non distante da piazza San Babila, il corteo dei centri sociali: ‘La mia Europa non ha confini, Orban e Salvini assassini’. Per poi concludere con il più classico dei Salvini è una merda”.

Insomma c’è di tutto contro Salvini.
C’è Salvini sul cesso, quello con Di Maio e la scritta “Reo con fesso”. E dulcis in fundo, il corteo degli africani con lo striscione “Salvini spari sui migranti”. Quando le balle dei sinistri, ripetute all’infinito, vengono prese per verità…

Foto Credits: Il Populista