La fidanzata lo tradisce, lui scopre gli amanti e li massacra. Ecco la furia distruttiva del marocchino

Certamente il tradimento da parte del proprio partner è qualcosa che nessuno digerisce facilmente. Prova ne sono i tantissimi crimini con moventi passionali.

Questo è il caso della storia di un marocchino che ha letteralmente massacrato la fidanzata e l’amante (entrambi italiani) dopo averli beccati insieme.

Una furia inarrestabile che ha seminato panico e gravi ferite e contusioni ai due malcapitati. Solo la fuga per paura della Polizia ha fermato il maghrebino. Ecco i fatti.

Secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti infatti, un marocchino di 31 anni la scorsa mattina all’alba ha scorto sotto l’abitazione della propria fidanzata, un’italiana di 28 anni, la macchina di un altro uomo, che evidentemente già conosceva.

Totalmente accecato dalla gelosia il 31enne si è quindi impossessato di una spranga di ferro con la quale ha distrutto l’auto del “rivale in amore”, in seguito ha proseguito la sua ira distruttiva dirigendosi verso l’appartamento della donna e riuscendo addirittura a forzare la porta blindata che proteggeva l’ingresso dell’immobile.

E’ a questo punto che il nordafricano ha avuto la piena conferma dei suoi sospetti, poiché nel letto insieme alla fidanzata c’era l’altro uomo, un 30enne italiano: sempre più furioso, il nordafricano ha continuato a colpire a sprangate tutto quel che gli capitava a tiro, inclusi gli amanti che sono stati letteralmente massacrati di colpi violentissimi, uno dei quali ha sfondato un orecchio del giovane italiano.

Placata finalmente la sua furia e temendo l’arrivo delle forze dell’ordine lo straniero ha poi tentato di dileguarsi, lasciando le sue vittime in un lago di sangue. Di lì a poco però ci ha pensato la polizia, che nel frattempo era stata chiamata dai vicini di casa, a porre fine al suo tentativo di fuga, interrotto in un campo vicino al luogo della segnalazione“.

I due giovani amanti sono stati portati in ospedale, con una prognosi abbastanza lunga: minimo 30 giorni per lui. Ci auspichiamo una giusta pena per un crimine che conferma il trend: 1 crimine su tre in Italia è commesso da stranieri (che sono appena l’8% della popolazione).

Fonte: Il Giornale

Fonte foto: ImperiaPost