Spunta l’ombra del complotto contro l’Italia. Ma la linea dura di Salvini vince alla grande. Nuovi dati.

Molti in questi giorni hanno puntato il dito contro il Ministro degli Interni, Matteo Salvini, accusandolo di fare propaganda elettorale e sfruttare casi come Aquarius e Diciotti per accrescere la propria popolarità, senza risolvere realmente i problemi legati all’immigrazione.

Ma questa tesi è smentita platealmente dai numeri ufficiali dell’Unhcr, l’Organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa proprio di rifugiati, richiedenti asilo e migranti. Alla data del 23 agosto 2018 sulle coste del Mediterraneo sono arrivati 70.643 migranti, contro i 122.650 dell’anno precedente; in calo anche il numero di morti durante la traversata in mare: da 2.421 agli attuali 1.530.

La diminuzione degli sbarchi in Europa è stata notevole, non solo per quanto riguarda l’ Italia. E questo è probabilmente dovuto sia alle tendenze migratorie cambiate, sia anche grazie alla svolta nella divisione fra i vari paesi europei.

Dall’inizio dell’anno infatti gli arrivi sulle coste italiane sono stati 19.442, mentre quelli sulle coste della Grecia 18.656 e sulle coste della Spagna 29.820. Aggiungendo quelli via terra in Spagna ne sono arrivati 32.472. Alla stessa data l’anno scorso sulle coste italiane erano arrivati 97.856 migranti e su quelle spagnole 13.682.

È evidente che sono cambiate all’improvviso le rotte dei trafficanti di uomini, che puntano ora sulla penisola iberica piuttosto che sulle coste italiane. Quando è avvenuta questa inversione di rotta? Semplice: con l’ arrivo del nuovo governo giallo-verde in Italia che ha radicalmente chiuso i suoi porti e con il quasi contemporaneo cambio di maggioranza in Spagna e la linea umanitaria e di accoglienza del loro governo.

Se però di fronte agli atteggiamenti politici dei vari governi vengono così radicalmente cambiate le rotte, è evidentemente da rivedere la retorica sulle migrazioni narrata fin qui. Per cambiare le rotte bisogna che ci sia qualcuno che lo faccia, ed è evidente in questi numeri che l’esodo non è affatto naturale, né biblico ed è in gran parte organizzato da quelli che chiamiamo trafficanti di uomini, che organizzano i percorsi.

E Salvini lo ha fatto; ha ottenuto un risultato analogo essendo meno iprocrita e molto più efficace di tutti gli altri governi precedenti. E soprattutto a costo zero. Meriterebbe ben altro trattamento da quello che si sta propinando.

Fonte: Libero

Foto credit: tpi