Dopo l’ennesima violenza sessuale da parte di un migrante. Ecco l’iniziativa shock dei cittadini. Ora basta.

Dopo la denuncia di violenza sessuale da parte di una turista 15enne che ha portato all’arresto di un cittadino nigeriano, ecco avanzata l’iniziativa da parte di Forza Nuova Veneto.

I militanti del partito di estrema destra a Jesolo hanno appeso un fantoccio nero ad una corda con un messaggio decisamente esplicito alla base: «pena di morte per gli stupratori».

In una nota, Forza Nuova Veneto scrive: «alla luce dei recenti fatti di cronaca, dove gli invasori africani hanno creato un’epidemia di stupri, Forza Nuova indica la chiara necessità della difesa nazionale e patriottica».

Mentre in un post su Facebook, Forza Nuova scrive: «Alla luce dei recenti fatti di cronaca, dove gli invasori africani hanno creato un’epidemia di stupri, Forza Nuova indica la chiara necessità della difesa nazionale e patriottica.

Laddove questo Stato mondialista condanna ad ogni genere di miseria e di pena gli italiani, i nazionalisti di Roberto Fiore danno un chiaro segnale: se qualche burocrate o massone ha deciso in qualche stanza che il popolo italiano deve morire, quello stesso popolo italiano darà dimostrazione di sapersi difendere, come mille volte ha fatto nella sua storia.

Continueremo a sostenere le iniziative di questo governo quando saranno nell’ottica dell’interesse nazionale, come sosterremo sempre nelle strade il nostro popolo contro chiunque pensi di poterlo condannare a stupri, violenze ed invasione.

Uno Stato realmente nazionale e sociale condannerebbe alla pena massima chi viene per distruggere le vite degli italiani, non gli italiani stessi che muoiono di immigrazione e di infrastrutture devastate».

Per il crimine risulta ad oggi arrestato ed indagato, ma non ancora processato, un senegalese di 25 anni, tale Mohamed Gueye.

Fonte: Vvox

Foto credit: corrierece